L’amore per la vita, dalla Comunità Incontro alla scuola Meucci di Bassano Romano

La Comunità Incontro sempre in prima linea contro la droga. Questa mattina (20 febbraio) alcune ragazze ospiti della Comunità Incontro, accompagnate dallo psicologo Fulvio Bernini e dall’educatrice Eleonora Ranghetti, hanno incontrato gli studenti dell’istituto scienze umane Meucci di Bassano Romano. Le ragazze in percorso hanno raccontato come sono finite nel tunnel delle dipendenze e come poi hanno chiesto aiuto per uscire dalla via del non ritorno: la droga. Alcuni studenti hanno chiesto perchè quando stavano in difficoltà e sentivano che la situazione stava sfuggendo loro di mano non hanno chiesti aiuto immediatamente. Le ragazze ospiti della Comunità Incontro hanno risposto semplicemente: “Pensi di farcela da sola, ma non ti rendi conto che giorno dopo giorno finisci sempre più nel baratro. Soltanto quando hai toccato il fondo e tutti ti allontano, compresi i tuoi genitori, capisci e ti rendi conto che sei in una spirale dalla quale non riesci ad uscire. A quel punto chiedi aiuto e fortunatamente abbiamo trovato le porte della Comunità Incontro aperte”. I ragazzi hanno ascoltato molto interessati le testimonianze delle ospiti della Comunità e chiesto loro anche le difficoltà che incontra chi decide di entrare in una comunità di recupero e cosa  spinge una persona a fare uso di sostanze. Durante la mattinata sono stati affrontati anche temi legati, oltre che alla tossicodipendenza, alle ludopatie, alle nuove droghe ed in particolare alla prevenzione e accoglienza. La Comunità Incontro sempre in prima linea per la prevenzione ha ideato il progetto INclasse che prevede incontri all’interno delle scuole al fine di sensibilizzare i giovani sui rischi e le conseguenze causate dall’uso di droghe. I professionisti dell’equipe multidisciplinare della Comunità Incontro insieme ad alcuni ragazzi attualmente in percorso, su richiesta delle scuole, partecipano ad incontri strutturati negli istituti secondari di primo e secondo grado.