La nostra storia

Tutto ha inizio il 13 febbraio del 1963 quando don Pierino, all’epoca segretario del cardinale
Luis Copello (Arcivescovo di Buenos Aires), camminando per piazza Navona a Roma fu fermato da Alfredo Nunzi
, un ragazzo di strada privo di sogni, che seduto sui gradini della chiesa di Sant’Agnese chiese di essere salvato e non con l’elemosina.

Don Pierino lo portò nella sua casa in viale del Vaticano, creando sconcerto tra gli altri monsignori che abitavano in zona. Prendendosi cura di Alfredo si rese conto che quella sarebbe stata la missione della sua nuova vita e cioè occuparsi degli ultimi sulla terra, rinunciando alle comodità e alla carriera nella segreteria di Stato del Vaticano.

Tra i ragazzi di borgata e delle periferie, vittime della droga si sparse la voce che un prete era pronto ad accoglierli senza se e senza ma nel nome dell’amore. La villetta di viale del Vaticano era diventata piccola, tanti “disperati” bussavano alla porta di don Pierino e allora decise di trasferirsi all’Infernetto vicino a Casal Palocco alla periferia di Roma assieme ai suoi ragazzi che diventavano sempre di più.

Dall’Infernetto a Molino Silla il passo fu breve. Il 27 settembre del 1979 Don Pierino Gelmini  con una manciata di figli dell’amore, come li chiamava teneramente, arrivò da Roma in un casale sperduto e diroccato pieno di rovi vicino ad Amelia nella Valle delle Streghe, diventata poi Valle della Speranza.

Davanti al fuoco di un camino in quel che restava di un vecchio mulino abbandonato, si accese la fiamma che ha dato vita al primo di una lunghissima serie di centri della Comunità Incontro sparsi in Italia e in tutto il mondo.

Don Pierino e 5 ragazzi persi nel tunnel della droga si ritrovarono all’ora di cena a mangiare pane, mortadella e mela e quella sera nacque il centro di Molino Silla, la casa madre della Comunità Incontro e nella valle, le streghe spazzate dal vento lasciarono il posto alla Speranza, come riporta la prima pagina del Diario dell’epoca: “Oggi giovedì, festa di san Vincenzo incominciamo l’attività del Centro Incontro al Mulino Silla – 27 Settembre 1979. Don Pierino, Agostino, Umberto, Washington, Giorgio, Fabio raccolti attorno al fuoco, nel silenzio della Valle della Speranza, si impegnano a far vivere l’uomo nella grandezza della sua semplicità, prima in sé e poi in quanti dovranno avvicinare. A contatto con la natura ognuno ritrovi la sua dimensione umana e la capacità di essere disponibili a capire, aiutare e amare gli altri, senza voler mai giudicare”. 

Soltanto tremende alluvioni riuscirono a minare questo patto tra uomini “Liberi” rischiando di compromettere e mettendo a serio repentaglio il duro lavoro frutto di enorme sacrificio, ma la Provvidenza corse in aiuto di Don Pierino. 

La nostra missione

La Comunità Incontro è un organizzazione indipendente che agisce in aiuto di persone…

bottone

 
 

Chi siamo

Il comitato direttivo e lo staff multidisciplinare s’impegnano quotidianamente e con determinazione per…

bottone