Natale 2019 a Molino Silla, una magia che si rinnova di anno in anno

Anche Quest’anno i ragazzi e Io staff di Molino Silla e della Comunità Incontro hanno dato il massimo per vivere e far vivere ad ospiti e familiari la magia del Natale, tra fantastiche luci, cordialità, convivialità e la gioia di stare tutti insieme in una grande festa daII’atmosfera unica

Per molti dei nostri residenti si è trattato del primo Natale festeggiato nella splendida struttura immersa nel verde di Amelia, fondata nel 1979 da Don Pierino Gelmini, per altri è stato l’ultimo Natale prima di Iasciare Molino Silla rinnovati nello spirito, nel corpo e nelle aspirazioni tornando a casa propria dopo aver terminato con successo il percorso comunitario.

Festoni, addobbi, luci montate per tutta Silla, l’imponente albero di Natale da 18 metri di altezza allestito nel bel mezzo deII’agorà, uno splendido ed iconico presepe di forte impatto sociale che rimanda alla memoria le fattezze del parco milanese di Rogoredo — luogo segnato dalla sofferenza che può diventare fonte di speranza.

Quel che però ci preme rimarcare sono i valori solidi che pervadono tutti i momenti del Natale della Comunità Incontro, con la nostra grande famiglia che ha abbracciato idealmente tutti, staff, residenti, operatori, familiari, in un unico grande abbraccio nel ricordo di Don Pierino Gelmini.

Molto toccante il momento formativo dove trenta dei nostri ragazzi hanno idealmente salutato la Comunità prima di lasciarla per il cosiddetto “fine programma” e rituffarsi con entusiasmo a vivere la Ioro vita, tornando a casa,

Nella giornata di Santo Stefano vi è stato il caloroso saluto di alcune autorità politiche come il Senatore Maurizio Gasparri, da sempre amico della Comunità e deIl’Onorevole Mariastella Gelmini, che insieme ad una rappresentanza dell’arma dei Carabinieri si sono recati nella “sala rossa” per incoraggiare i nostri ragazzi. In particolare, il senatore Gasparri ha rimarcato come “la Comunità incontro da sempre svolge una preziosissima azione di recupero, ricostruendo le esistenze di persone che si sono imbattute nella droga e nelle dipendenze di ogni genere ed è per me sempre un piacere riscontrare la passione e l’impegno degli operatori per cercare di spezzare le catene della dipendenza che rischiavano di rovinare per sempre le vite di tutti voi”. Sulla stessa lunghezza d’onda, infine, l’intervento di Mariastella Gelmini che poneva l’accento sul “grande coraggio che tutti i residenti della Comunità mettono in campo per riappropriarsi delle proprie esistenze e regalarsi la possibilità di una vita libera da ogni tipo di condizionamento”.