CHIEDI AIUTO

Non perdere la speranza, il nostro aiuto è reale. La tua vita è importante

Storie in cammino

Racconti di chi ieri e oggi ha intrapreso il cammino della Comunità

Sono Francesco, ho 41 anni e ho desiderio di raccontare la mia storia a chi crede nella possibilità di una rinascita. La mia è una storia che inizia nel buio, nella solitudine, nel dolore di un fallimento e si conclude con una nuova vita, viva, libera, luminosa, piena di amore, progetti, speranza e fede…

Leggi tutto

Voci dei ragazzi della comunità

La vita mi ha portato a non credere più a niente fino a quando sono entrata qui alla Comunità Incontro. In questo luogo ho riscoperto l’amore verso me stessa e verso la mia famiglia. A 13 anni ho iniziato a farmi le canne, a 16 è arrivata la cocaina. A 20 anni ho abortito. Ero rimasta incinta dell’uomo che pensavo mi amasse. Era lui che mi procurava le sostanze, era lui che per la prima volta mi ha fatto prostituire, è stato lui che una sera mi ha riempita di botte tanto da farmi perdere il bambino che portavo in grembo da tre mesi. Lui quella sera mi ha accompagnata in ospedale e lasciata lì. Fortunatamente sono arrivati i miei genitori che si sono presi cura di me e per aiutarmi mi hanno portata in Comunità. Ora dopo 1o mesi ho capito il vero significato dell’amore.

Angela

Il mio rapporto con le sostanze è iniziato a 18 anni. Ero a casa di amici e hanno tirato fuori la cocaina. L’ho provata e da quel giorno è diventata la mia compagna di vita. La prendevo perchè con quella polvere bianca ero più intraprendente e disinibita. Poi la situazione mi è sfuggita di mano e non ne potevo più fare a meno. Ogni giorno ero alla ricerca della sostanza. Il mio stipendio e conto in banca non bastavano più. Un giorno mi sono ritrovata fuori strada. Sono stata venti giorni appesa ad un filo, lottando tra la vita e la morte. Poi quando mi sono ripresa ho capito che mi stavo uccidendo. C’era il mio migliore amico che mi ha detto: “Se vuoi ti posso aiutare”. Mi ha fatto conoscere la Comunità Incontro. Da qui la mia seconda vita. Ho avuto una possibilità per ripartire.

Giulia

Ho raccontato bugie inverosimili pur di non far capire che i soldi mi servivano per comprare fumo, cocaina ed eroina. Ora ho 27 anni e sono ospite della Comunità Incontro da 30 mesi. La prima volta che mi sono fatto una canna avevo 14 anni. Da lì ho continuato fino a 24 anni. A casa ho rubato tutto i soldi e l’oro per di comprare la droga. Un giorno i miei genitori mi hanno buttato fuori di casa. Non sapendo come fare ho iniziato a rubare. Mi hanno arrestato ho scontato la mia pena in carcere e poi sono di nuovo finito in strada. Dormivo dove capitava. Poi una sera mentre ero fatto ho attraversato la strada e sono stato investito. A quel punto l’ospedale ha avvertito i miei che sono arrivati di corsa. Mi hanno proposto la Comunità. Devo dire che mi hanno salvato dalla morte certa.

Fabio
5 per mille... buoni motivi

Per combattere la droga

Nella dichiarazione dei redditi aiuta i ragazzi a liberarsi dalla droga, dona il tuo il tuo 5×1000 alla Comunità Incontro Onlus.
Basta una firma, non ti costa nulla.

Scopri come

Iscriviti alla newsletter